La neve se ne frega e noi ci dobbiamo adeguare!

Aiutami a condividere

La neve se ne frega e noi ci dobbiamo adeguare! 1Dall’ultimo articolo sono passati quasi due mesi e tanti eventi sono accaduti.

Ahimè, quanta mancanza di leadership si è succeduta in questi mesi!

Due soli esempi bastano per molti altri.

L’ormai più volte studiato, esaminato e parlato naufragio della Costa Concordia, dove tutti hanno detto di tutto e di più, non ha ancora portato a nessuna soluzione!

Una sola cosa è certa: la nave, purtroppo,  è ancora lì!

Nessuno, soprattutto la Costa Crociere, ha fatto ancora niente per rimettere almeno in asse l’imbarcazione.

Non credo assolutamente che non si possa fare, qualcuno me lo deve dimostrare.

Sicuramente dietro ci sono forti interessi economici!

I giornalisti ed i programmi televisivi si sono abbuffati e non aspettavano altro.

Si sono lamentati anche gli americani che hanno chiesto i soliti rimborsi esagerati “da americani”, verso altri americani che detengono la proprietà della Costa Crociere.

In realtà pensavano di chiedere soldi agli Italiani, ma non sapevano che la “Costa” di italiano ha solo il nome e qualche marinaio distratto.

Ma improvvisamente la scena è cambiata!

La nave non interessa più!

E’ arrivata la neve!

Parliamo tutti della neve!

Erano mesi che non pioveva! Tanta acqua, combinata con temperature molto basse, invece di liquido che scorre da solo, ha generato tanto solido, che purtroppo bisogna spostare.

Mi chiedo se avrebbe fatto più danni l’acqua o sta facendo più danni la neve?

E così anche con l’evento neve, invece di darsi da fare (in realtà i soliti volenterosi lo hanno fatto), ecco che alcuni amministratori si sono preoccupati di sfruttare l’occasione politicamente per incolpare qualcun altro.

Bisogna sempre trovare il capro espiatorio dei mali della gente: è una delle tecniche più potenti per persuadere le masse e distogliere la loro attenzione.

E dietro i politici ci si sono messi anche i giornalisti e i programmi televisivi, che ormai erano stanchi di parlare sempre della Costa Concordia.

La musica è sempre la stessa, tutti parlano, tutti incolpano, ma solo pochi prendono il badile ed iniziano a spalare!

Una settimana fa a Roma addirittura si è alzato un ridicolo polverone politico per soli 10 cm di neve.

Allora alcune città più piccole, dove ci sono montagne di neve ammassate, dovrebbero chiedere un colpo di stato ed il surgelamento forzato di tutti i governanti?

Sono anche nati i reality della neve con un giornalista pagato appositamente per stare alcuni giorni sotto la neve e dire sempre le stesse cose.

Purtroppo nulla ancora l’uomo può di fronte alle forze atmosferiche e spesse volte le deve accettare così come vengono.

In realtà la neve se ne frega di noi, come dice il titolo di un libro di cui ti cito una bellissima frase:

Grazie per la neve che sta scendendo. Mi è sempre piaciuta, ma adesso mi sembra proprio puntuale. Tempestiva. Porta pulizia. Porta bianco. Costringe all’attenzione. Ai tempi lunghi. Lima rumori e colori. Lima le bave dei sensi. C’è n’è bisogno. Ancora per un pò”.

Luciano Ligabue – “La neve se ne frega”

Ognuno di noi assistendo a questi eventi eccezionali, si chiede se forse il mondo sta cambiando, alcuni pensano che ci sia un riscaldamento altri un raffreddamento.

La realtà è che spesso ci dimentichiamo che la nostra vita è così breve da vedere questi eventi solo una o due volte, ma non sappiamo nulla se tali eventi siano capitati anche nei secoli passati.

Io penso proprio di sì.

Riuscendo a comprendere i forti disagi che ha creato la neve, soprattutto alle persone che vivono da sole e alle persone senzatetto, mi auguro che essa con il suo candore e la sua forza purificatrice, sia una fonte di ispirazione per limitare un pò la frenesia della nostra vita, per migliorare noi stessi e l’ambiente in cui viviamo.

Guardiamo tutti a questa neve come la fine degli eventi che, ultimamente, hanno affondato l’Italia!

Quando la neve si sarà definitivamente sciolta, saremo agli inizi della primavera 2012, che mi auguro possa coincidere con l’inizio di una nuova primavera per l’Italia, con una nuova coscienza popolare, ma soprattutto con lo sviluppo di nuovi e veri leader.

Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
CHE NE DICI DI ISCRIVERTI ?

Subito in regalo per te LA GUIDA AL BLOG e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER
Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Aiutami a condividere

Lascia un commento

Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
ISCRIVITI !

Subito in regalo per te
LA GUIDA AL BLOG
e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER

Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Iscrivendoti acconsenti a ricevere periodicamente delle email con novità, risorse, consigli e promozioni relative ai temi che trattiamo. I tuoi dati non verranno mai condivisi con terze parti e saranno protetti in accordo alla nostra > Privacy Policy <