Comunicazione efficace: le 5 abilità per attivare l’energia

comunicazione efficaceUn capisaldo della comunicazione efficace è l’iniziativa.

Se non vuoi comunicare di solito non prendi iniziativa per farlo. 

L’iniziativa di solito richiede un minimo di energia, per cui è facile dedurre che la comunicazione efficace è un attività che richiede energia.

Purtroppo, questa semplice deduzione non sempre arriva facilmente alla mente delle persone, di conseguenza, l’umana tendenza a non fare sforzi spesso prevale sulla necessità di essere proattivi per comunicare in modo efficace.

Pensa per un attimo ai migliori comunicatori che conosci: oratori pubblici, allenatori di squadre sportive, leader di aziende, leader politici o religioni, individui.

Fatti questa domanda: quanti di loro sono persone a basso consumo energetico?

Scommetto che la risposta è nessuno.

Questo succede perché connettersi con altre persone non avviene per caso.

Se vuoi connetterti con gli altri, devi essere intenzionale al riguardo e questo richiede sempre energia da spendere, anche se solo per partire e prendere l’iniziativa.

Come già esplorato nell’articolo

>>> I principi della comunicazione: le 5 chiavi giuste per connettersi

il quarto dei principi di comunicazione afferma che

La connessione con le persone non avviene per caso, ma è un evento intenzionale che richiede energia.

La connessione con le persone non avviene per caso.

Bisogna avere l’intenzione di fare ciò che stai facendo, il che significa che devi mettere un po’ di energia personale dietro ciò che stai cercando di raggiungere e canalizzare questa energia in modo strategico per avere successo e stabilire una comunicazione efficace.

Le 5 abilità per attivare l’energia nella comunicazione efficace

Non importa con chi o in quale contesto stai provando a connetterti: avrai comunque bisogno di avere energia per attivare una comunicazione efficace.

Sono 5 le abilità da esercitare per essere proattivi, attivare e mantenere l’energia quando ci si connette con le persone:

  • Iniziativa;
  • Chiarezza;
  • Pazienza;
  • Altruismo;
  • Resistenza.

La connessione richiede iniziativa: prendila tu per primo.

Iniziare una conversazione con qualcuno spesso sembra imbarazzante. Offrire aiuto a qualcuno significa rischiare il rifiuto. Dare agli altri può portare a malintesi.

Potresti non sentirti pronto o a tuo agio in quei momenti, ma, piuttosto che aspettare l’altra persona, prova tu per primo a stabilire una connessione. Devi solo imparare a superare quel sentimento di imbarazzo o di insicurezza.

Fai qualcosa che rompe il ghiaccio e segnala che desideri connetterti, invece di aspettare il momento perfetto che potrebbe non verificarsi.

Le persone che si connettono con gli altri sono quelle che vanno avanti per prima e fanno tutto ciò che il resto delle persone non riesce a fare.

La connessione richiede chiarezza: preparati.

La connessione richiede che tu sappia cosa devi fare quando ti metti in contatto.

Ciò significa avere chiarezza nel pensare e ciò, molto spesso, viene come conseguenza della preparazione in tre aree principali:

  • conoscenza di te stesso (preparazione personale);
  • conoscenza del tuo pubblico (preparazione sulle persone);
  • conoscenza dei tuoi argomenti (preparazione professionale).

La chiarezza di ciò che vuoi comunicare è fondamentale una comunicazione efficace di successo.

La connessione richiede pazienza: rallenta.

Henry David Thoreau ha scritto: “L’uomo che va da solo può iniziare la giornata. Ma chi viaggia con un altro deve aspettare che l’altro sia pronto.

L’attesa può essere molto frustrante. Può provare la tua pazienza. Tuttavia, se tu vuoi connetterti con le persone, devi essere disposto a rallentare e andare al ritmo di qualcun altro.

Gli ottimi comunicatori non sempre corrono più veloci, ma sono in grado di farlo portando gli altri con loro. Esibiscono pazienza. Hanno impostato a parte i loro programmi per includerne altri.

La connessione richiede altruismo: dai piuttosto che ricevere.

Quando ascolti qualcuno che parla, chiediti: “Questa persona mi sta dando tutto: occhi, viso, corpo, cervello e personalità? O questa persona sta semplicemente passando e questa opportunità di parlare è solo una fermata lungo la via?”

Le persone che vogliono connettersi con gli altri devono dare il massimo. E questo richiede energia!

Le persone vogliono sempre connettersi con qualcuno che chiaramente, e ovviamente, dà il 100% in ogni momento.

La connessione richiede resistenza: ricaricati.

Se guidi le persone o comunichi con gli altri, dato che consumi energia, è particolarmente vitale per te trovare il modo di ricaricarti.

È davvero molto semplice. Tutto quello che devi fare è conoscere le cose che ti piace fare e trovare il tempo per farle. Se riesci a ritagliarti dei momenti per fare ciò che ti eccita, allora avrai sempre riserve di energia che puoi attingere quando desideri connetterti con gli altri.

Imposta la tua vita in modo da evitare le attività che consumano la tua energia, ma che sono secondarie. Circondati di persone migliori di te per le attività in cui sei debole.

Le 3 modalità per aumentare l’energia nella comunicazione efficace

Come già visto negli altri principi sulla comunicazione, anche l’applicazione del quarto principio ha tre modalità di connessione:

  • Connessione uno a uno;
  • Connessione con un gruppo;
  • Connessione con il pubblico.

Connessione uno a uno

Molte persone diventano pigre quando si tratta di connettersi faccia a faccia. Danno per scontato che le persone li ascolteranno.

Se anche tu sei tra questi, stai facendo un disservizio agli altri, in particolare alle persone più vicine a te, come i tuoi amici e la tua famiglia.

Evita questa trappola. Se porti energia intenzionale alla conversazione, rendi molto più facile la connessione delle persone.

Se stai cercando modi per aumentare l’energia della comunicazione uno a uno con una persona, prova i seguenti passi

  1. Scrivi su un foglio le cose significative che ti accadono durante il giorno.
  2. Per cose importanti, non dirlo a nessun altro prima di condividerlo con questa persona specifica.
  3. Prenditi del tempo ogni giorno per esaminare la tua lista con l’altra persona, il che richiede intenzionalità ed energia.

Connessione con un gruppo

Quando comunichi con un gruppo o durante una riunione, l’energia nella stanza può variare. A volte il gruppo avrà molta energia; altre volte come leader o comunicatore, dovrai innescare la scintilla per generare energia.

La prossima volta che comunichi con un gruppo, non permetterti di essere compiacente. Infondi energia e continua a farlo anche se l’energia del gruppo è buona; otterrai il rispetto delle persone se ti assumi la responsabilità di tenere alto il livello di energia.

Ecco alcune linee guida per portare energia in un gruppo.

  1. Vai da ogni persona e presentati, prima di iniziare l’interazione.
  2. Fai una domanda a ognuno, per scoprire qualcosa di unico su di lui.
  3. Dai al gruppo la proprietà della riunione; fatti fare domande e fai del meglio per servirle.
  4. Attira quelli titubanti ad entrare nella discussione, raccontando agli altri della loro unicità.
  5. Termina il tempo insieme al gruppo, chiedendo alle persone come puoi aiutarle a migliorare.

Connessione con un pubblico

Nessun pubblico arriva a un evento in attesa di fornire energia a chi parla. Le persone vengono agli spettacoli, alle conferenze, ai seminari, ai corsi e, in genere, agli eventi in cui prevedono di ricevere qualcosa, non di dare.

Se sei il relatore, devi sempre tenerlo a mente. Più grande è la folla, più energia è dovrai fornire.

Pensa ai modi in cui puoi aumentare la tua energia quando parli con un pubblico.

Ad esempio, la fiducia, che viene dalla tua preparazione, porta energia. La passione, che deriva dalla tua convinzione, porta energia. La positività, che deriva dal credere nelle persone, porta energia.

Più energia porti al processo, più sei capace di trasmettere energia al tuo pubblico, migliori sono le tue possibilità di entrare in contatto con loro.

Per finire possiamo dire che una buona riuscita di una comunicazione efficace dipende in molta parte dall’energia si riesce a trasmettere verso gli altri per spingerli ad interagire in modo libero e spontaneo.

Alla prossima.


L’articolo è una mia personale interpretazione delle Tutti Comunicano, Pochi Si Connettono di John Maxwell, che ti consiglio di leggere.


Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
CHE NE DICI DI ISCRIVERTI ?

Subito in regalo per te LA GUIDA AL BLOG e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER
Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Discussion

  1. Pasquino Taiocchi

Lascia un commento

Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
ISCRIVITI !

Subito in regalo per te
LA GUIDA AL BLOG
e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER

Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Iscrivendoti acconsenti a ricevere periodicamente delle email con novità, risorse, consigli e promozioni relative ai temi che trattiamo. I tuoi dati non verranno mai condivisi con terze parti e saranno protetti in accordo alla nostra > Privacy Policy <