Perché tutti i migliori leader sono anche grandi “follower”

Aiutami a condividere

leader e seguaceFacendo un’autovalutazione ti senti più nei panni di un leader o un di un seguace?

Oppure hai qualche difficoltà a discernere tra i due e ti senti nei panni di entrambi?

Se fai una ricerca su Google per la parola “followership” ottieni 906.000 risultati, mentre se fai una ricerca sulla parola leadership ne ottieni 600 milioni.

Come mai così tanta differenza?

Eppure senza seguaci, un leader è una figura solitaria, anzi non è un leader.

Perché allora viene concentrata tanta attenzione sulla leadership e poca attenzione sulla followership, nonostante i due aspetti siano inseparabili?

Anzi, non esiste leadership senza followership!

Come già evidenziato in un altro articolo abbiamo scoperto che la followership è importante quanto la leadership.

In realtà leadership e followership sono un binomio indissolubile: i leader devono avere dei seguaci e i seguaci devono avere un leader.

Come già sostenuto nel Tutorial

>>> La “followership” cosciente è leadership!

se vuoi essere un grande leader, devi prima diventare un grande seguace e tutte le migliori lezioni di leadership le puoi imparare solo attraverso l’esperienza diretta di seguace.

Scopriamo come!

Con un’attenta followership si apprende la vera leadership

Anche un leader affermato è un seguace, cioè serve qualcuno.

Un leader politico serve la costituzione e gli elettori (che sono anche i suoi seguaci), un leader religioso serve un Dio, un leader aziendale serve i clienti e gli azionisti, un leader sportivo serve la vittoria della squadra.

La verità che molti ignorano è che la maggior parte dei leader che si incontrano emergono come leader grazie l’addestramento avuto da altri leader già affermati.

Questa verità può essere condensata in una della Leggi della Leadership di John Maxwell, La Legge della Riproduzione che stabilisce la necessità di un leader per generare un altro leader.

Sebbene questa affermazione sia stata raramente discussa, quasi tutti i maggiori leader della storia (uomini di azienda, sportivi, politici, religiosi, ecc.) hanno fatto la loro gavetta come seguaci di altri leader.

Potrei anche sostenere che i peggiori leader della storia non hanno mai imparato a seguire altri, di conseguenza, sono diventati tiranni, rendendo infelici le vite dei propri seguaci.

La distinzione tra subordinato e seguace

Prima di approfondire quale può essere una efficace followership che genera il seguace esemplare, è necessario però distinguere tra quelli che possiamo chiamare seguaci e i subordinati.

I subordinati si trovano in una posizione inferiore in una gerarchia e devono obbedire ai comandi della persona nella posizione di capo. Il capo ha la sua autorità e il subordinato è tenuto a presentarsi a tale autorità.

Un seguace, invece segue un leader perché lo vuole. Potrebbe esserci ancora una struttura gerarchica in atto, ma egli segue perché lo vuole e non perché deve farlo.

Il seguace ha dei bisogni che devono essere soddisfatti dal leader, altrimenti cesserà di seguirlo, cercando di portare se stesso e gli altri lontano dall’organizzazione o guidando l’organizzazione in un’altra direzione.

Le otto caratteristiche del seguace esemplare

Per capire quanto detto e per sapere se sei un seguace esemplare, fai un semplice test sul tuo ruolo di follower, con delle domande che rispecchiano le otto caratteristiche sotto elencate.

Comprensione organizzativa

Conosci la visione e la missione della tua organizzazione?

Sai come svolgere il tuo lavoro al meglio delle tue capacità per raggiungere gli obiettivi comuni della squadra o dell’organizzazione a cui appartieni?

Impegno

Come valuti il tuo impegno?

Accetteresti di essere incaricato a svolgere il tuo compito in qualsiasi ora, in qualsiasi luogo e di rimanere lì per tutto il tempo necessario per portare a termine il lavoro in maniera opportuna e corretta?

Obbedienza

Sei capace di eseguire gli ordini?

Anche se l’obbedienza può essere un concetto politicamente scorretto, è essenziale per l’efficacia organizzativa. A nessuno dovrebbe essere permesso di dare ordini se non è capace di obbedire agli ordini. Questo è il modo in cui i grandi leader modellano i propri seguaci con standard di comportamento accettabile.

Servitù

Sai servire gli altri e la causa comune?

Questo è cruciale. I grandi seguaci sanno servire. Notano cosa deve essere fatto per aiutare il leader a raggiungere i suoi obiettivi. Poi lo fanno con gioia, senza brontolare o lamentarsi.

Anche se tu sei già il leader di una squadra o di un’organizzazione intera, ognuno ha un capo, incluso te. Un grande seguace non solo accetta questo fatto, ma lo abbraccia.

Adattabilità

Sei un tipo adattabile?  

A causa delle nuove tecnologie, della formazione e dei livelli di responsabilità in continua evoluzione riesci a rimanere flessibile?  Siccome l’unica costante della vita è il cambiamento, resistere al cambiamento può solo portare a frustrazione.

Abilità comunicative

Quale è la tua capacitò di comunicazione?

Un follower deve essere in grado di comunicare in modo efficace. Sia che tu stia offrendo suggerimenti o spiegando ai colleghi il motivo per cui le cose vengono fatte in un certo modo, la comunicazione è essenziale per il lavoro di squadra e la realizzazione della missione.

Fiducia

Sei degno di fiducia, la stessa che ti aspetti dal tuo leader?

La fiducia è una pietra angolare sia della followership sia della leadership. La fiducia però è fragile. Potrebbero essere necessari mesi o anni per guadagnarsela, ma può bastare un solo errore per distruggerla.

Lealtà 

Sei leale al tuo leader e alla tua squadra?

Un seguace e esemplare non parla mai male del suo leader in pubblico. Ciò non significa che non può essere in disaccordo o anche criticare. Significa solo che non lo fa in pubblico. Un seguace esemplare capisce che la lealtà pubblica porta a un’influenza privata.

Se hai risposto “Si” ad almeno 6 di queste domande, compresa l’ultima, allora sei sulla buona strada per essere un seguace efficace.

Conclusioni

Se noti bene, le otto caratteristiche, o tratti, di cui sopra sono cruciali in quanto esprimono alcune basi per essere un leader efficace, per cui

una followership efficace è un ponte molto importante per diventare un leader efficace.

Se vuoi essere allora un grande leader, inizia a chiederti:

“Come posso essere un seguace migliore?” O “Come posso rendere il mio capo più efficace?”

Se hai altre idee su cosa ci vuole per essere un grande seguace, puoi lasciare un commento al post.

Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
CHE NE DICI DI ISCRIVERTI ?

Subito in regalo per te LA GUIDA AL BLOG e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER
Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Aiutami a condividere

Lascia un commento

Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
ISCRIVITI !

Subito in regalo per te
LA GUIDA AL BLOG
e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER

Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Iscrivendoti acconsenti a ricevere periodicamente delle email con novità, risorse, consigli e promozioni relative ai temi che trattiamo. I tuoi dati non verranno mai condivisi con terze parti e saranno protetti in accordo alla nostra > Privacy Policy <