Gli eccessi della leadership.

Aiutami a condividere

Tutorial leadership 30

Metà del danno che viene fatto in questo mondo è dovuto a persone che vogliono sentirsi importanti. Essi non intendono fare del male e il danno non li interessa; oppure non lo vedono, o lo giustificano, poiché sono assorbiti nella lotta senza fine a pensare bene di se stessi.

T.S. Eliot – Premio Nobel per la Letteratura

Hai mai avuto un capo che scherzosamente (o forse non così scherzosamente) viene indicato come un narcisista?

Oppure hai mai pensato che tu stesso puoi esserlo?

La realtà è che molti narcisisti scalano la società, perché, tra tante altre motivazioni, gli altri li ritengono adatti per vestire il ruolo di leader, poiché sono sicuri di sé, dominanti, autoritari e con un buon livello di autostima.

Allora conviene essere narcisisti?

Sicuramente tale innata predisposizione può aiutare all’inizio, ma può essere anche la causa di alcuni eccessi che rovinano il narcisista diventato leader e tutto il suo seguito.

Michael Maccoby in “Narcissistic Leaders: The Incredible Pros, the Inevitable Cons” (2004), individua gli eccessi del leader sotto un aspetto di tipo “narcisistico e produttivo”:

il “narcisista produttivo” per sua natura è una persona particolarmente adatta a fungere da supporto per gli altri, ad assumere il ruolo di leader e a dare un nuovo impulso allo sviluppo culturale o a modificare lo stato stabilito delle cose.

Il narcisismo, però, ha un suo lato oscuro che può degenerare, in quanto il narcisista è emotivamente isolato e molto diffidente, ed eventuali realizzazioni possono alimentare sentimenti di grandiosità.

Eppure il narcisismo produttivo, se contenuto nei limiti della normalità (cioè se non diventa patologico), può essere straordinariamente utile, anzi necessario per il leader.

Scopriamo il perché!

Ecco perché alcuni narcisisti sono leader!

Il leader narcisista produttivo è uno stratega dotato di creatività e visione, sa vedere il quadro generale e trovare un significato nella volontà rischiosa di cambiare il mondo, lasciando dietro di sé un’eredità.

Non solo è disposto ad acquisire il rischio, ma è anche un incantatore che può coinvolgere le persone con la parola.

I punti di forza del leader narcisista produttivo sono

  • una grande visione.

perché per sua natura è una persona che vede il sempre il quadro generale;

  • l’abilità di creare seguaci

in quanto è particolarmente dotato per attrarre seguaci ed, il più delle volte, lo fa attraverso il linguaggio.

Il pericolo maggiore è che il narcisista si può trasformare in improduttivo, quando manca la conoscenza di sé o quando diventa un sognatore non realista.

Inizia a fare grandi piani e ha l’illusione che solo le circostanze o continui nemici bloccano il suo successo.

Questa tendenza verso la grandiosità e la sfiducia è il tallone d’Achille del narcisismo e di tutta la leadership stessa.

I punti di debolezza del leader narcisista produttivo sono

  • sensibili alle critiche

poiché è straordinariamente sensibile e rifugge le emozioni nel suo complesso, soprattutto i propri sentimenti e le critiche negative altrui;

  • cattivo ascolto

come conseguenza della ipersensibilità alle critiche, soprattutto quando si sente minacciato o attaccato;

  • mancanza di empatia

nonostante egli stesso ha bisogno di empatia da parte degli altri;

  • disgusto per il tutoraggio,

come conseguenza della mancanza di empatia e di indipendenza;

  • un intenso desiderio di competere,

essendo implacabile e spietato nella ricerca della vittoria, portando l’organizzazione che guida ad una forte competizione interna.

Tre consigli per il leader narcisista!

Mi chiedo se tu ti stai riconoscendo in un leader narcisista oppure no!

Nel primo caso devi correre ai ripari per evitare di arrivare al peggio.

Ecco alcuni 3 suggerimenti che Maccoby ha individuato, attraverso cui i leader narcisisti produttivi possono evitare le trappole che li portano agli eccessi, minando ad un certo punto la loro leadership:

  • trovare un compagno fidato,

una persona, una spalla che agisce come un’ancora, mantenendo il leader narcisista con i piedi a terra e che lo incoraggi a trovare soluzioni alternative;

  • indottrinare l’organizzazione

per fare propria la visione ed i valori del leader;

  • entrare in analisi,

per aiutare ed esplorare la propria personalità, poiché sono spesso più interessati a controllare gli altri che a conoscere se stessi.

Senza scomodare la psicanalisi e le derive narcisistiche di molti grandi leader, ti posso assicurare che la leadership assomiglia molto alla luna.

Tutti vedono solo una faccia, quella splendente, ma esiste sempre l’altra faccia quella oscura, dove il leader spesso rischia di brancolare al buio, se non sviluppa al più presto una parte delle competenze emozionali adeguate per riuscire a creare un equilibrio tra i suoi bisogni personali, i bisogni dei collaboratori e gli obiettivi dell’organizzazione o della società.

Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
CHE NE DICI DI ISCRIVERTI ?

Subito in regalo per te LA GUIDA AL BLOG e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER
Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Aiutami a condividere

Discussion

  1. Franz

Lascia un commento

Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
ISCRIVITI !

Subito in regalo per te
LA GUIDA AL BLOG
e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER

Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Iscrivendoti acconsenti a ricevere periodicamente delle email con novità, risorse, consigli e promozioni relative ai temi che trattiamo. I tuoi dati non verranno mai condivisi con terze parti e saranno protetti in accordo alla nostra > Privacy Policy <