La leadership e le teorie caratteriali-Parte 1

Tutoriale leadership 17

Il carattere di un uomo è il suo destino!

Eraclito di Efeso – Filosofo greco presocratico

Nel V secolo a.C. Eraclito di Efeso affermava che il carattere di un uomo è il suo destino.

Sicuramente il modo di essere (la personalità) e di comportarsi di un individuo lo contraddistingue e lo caratterizza, ma diventa anche il suo destino, perché il modo di essere incide sulle scelte, le accettazioni, i rifiuti e tutto quanto lo accompagna durante il precorso della vita.

Eraclito era anche il filosofo del “tutto si trasforma ed è in evoluzione”, per cui il carattere non è innato, ma si forma con un adattamento continuo, che l’essere umano mette in atto per rispondere agli stimoli positivi/negativi che gli arrivano dall’ambiente familiare e sociale.

Partendo da Eraclito, per più di 25 secoli, molti hanno cercato di definire il carattere, fino al più contemporaneo C. Jung con la sua “teoria degli 8 tipi psicologici”, da cui sono nati anche molti approcci caratteriali sulla leadership.

Le teorie sulla leadership che seguono l’approccio caratteriale indagano sul carattere o la personalità dei leader di successo cercando di rispondere alla domanda: “Un buon leader che tipo di persona è?”

L’approccio caratteriale, anche se oggi è in gran parte superato, ha dato un grande contributo per valutare quei tratti caratteriali che permettono al potenziale leader di fare una autovalutazione di sé stesso, dei suoi punti di forza, delle sue debolezze, spingendolo a prendere coscienza e a sviluppare la propria identità caratteriale.

Teoria della Grande Persona

Se guardiamo ai grandi leader del passato come Alessandro il Grande, Mosè, Giulio Cesare, la Regina Elisabetta I, Napoleone Bonaparte, ci sembrano essere veramente differenti dalla maggior parte degli esseri umani, possedendo un alto livello di ambizione, accoppiato ad una chiara visione.

La stessa cosa può essere osservata anche in alcuni grandi leader contemporanei, generando un approccio allo studio della leadership chiamato la Teoria del Grande Uomo.

Io preferisco chiamarla Teoria della Grande Persona, per rendere merito anche ai leader donna, che oggi sono in aumento, ma che anche in passato, soprattutto nelle vesti di regine, hanno guidato in modo molto più eccellente degli uomini.

La Teoria della Grande Persona si basa sulle seguenti assunzioni:

  • leader si nasce, possedendo alcuni tratti che sono ereditati;
  • il grande leader si rivela quando c’è un grande bisogno.

Tale teoria, sviluppatasi sul genere maschile, da cui il nome originale, ha avuto il maggior sostenitore in T. Carlyle il quale affermava che “la storia del mondo è anche la storia dei grandi uomini, i quali hanno tirato fuori loro qualità innate, per ergersi a guida degli altri, quando c’è stato bisogno.

Senza dubbio quello che dice Carlyle è corretto, ma mettendo sotto osservazione solo “i grandissimi leader” si riduce la leadership ad una pura visione di meta-leadership, escludendo le altre due visioni (macro-leadership e micro-leadership) che coinvolgono la maggior parte delle persone in posizioni di guida o manageriali.

Tutti i gruppi umani ed i popoli hanno sempre desiderato una guida che incarnasse la figura ideale della Grande Persona, l’eroe giusto e saggio, che, al di sopra delle parti, poteva veramente essere al servizio delle aspirazioni di tutti.

Tali aspettative, spesso altissime, hanno qualche volta generato  delle situazione paradossali, in cui gli stessi seguaci hanno addirittura sostenuto e spinto il leader su strade scellerate.

Scopri la Teoria del Carattere nella parte 2.

Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
CHE NE DICI DI ISCRIVERTI ?

Subito in regalo per te LA GUIDA AL BLOG e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER
Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Discussion

  1. Fabio Libes
    • Pasquale

Lascia un commento

Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
ISCRIVITI !

Subito in regalo per te
LA GUIDA AL BLOG
e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER

Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Iscrivendoti acconsenti a ricevere periodicamente delle email con novità, risorse, consigli e promozioni relative ai temi che trattiamo. I tuoi dati non verranno mai condivisi con terze parti e saranno protetti in accordo alla nostra > Privacy Policy <