Perché mettere in pratica quanto appreso

mettere in praticaQuanto immediatamente passi dalla teoria alla pratica in quello che apprendi?

In un articolo precedente abbiamo evidenziato quanto sia importante leggere molto per apprendere nuove conoscenze. Spesso, però, potrebbe non bastare.

L’apprendimento è un processo senza fine. È fatto anche di pratica!

Puoi imparare molto di più attraverso la realizzazione e la messa in pratica della tua conoscenza.

Diceva il filosofo e poeta Goethe:

Conoscere non è mai abbastanza; bisogna mettere in pratica ciò che noi sappiamo. Nemmeno il volere è abbastanza; bisogna fare.

Realizza quanto appreso è una delle strategie di successo nella vita e nel lavoro.

Puoi iniziare a imparare dopo che leggi un libro o un blog, oppure dopo aver partecipato a un corso o un seminario, ma se non prendi appunti e inizi ad attuare quello che hai già imparato molto spesso te lo dimentichi.

Questo succede con quasi tutto ciò che s’impara, se non è presto messo in pratica.

Esso è il cosiddetto “effetto luna di miele” di ogni processo di apprendimento.

Dopo un po’ i buoni propositi svaniscono e le vecchie abitudini riprendono.

Senza la pratica, nulla di quanto appreso rimane tracciato nel tuo cervello. Dopo continui a imparare cose nuove, e ancora una volta, ciò che hai imparato finisce dimenticato.

Dopo l’ispirazione iniziale che ti spinge a un cambiamento, tutto ciò che serve per andare avanti è la volontà di dedicare del tempo e dell’energia per realizzare e implementare quanto ti sei prefissato.

La pratica è l’atto finale dell’apprendimento

La pratica è uno dei principali modi con cui gli esseri umani imparano.

Hai imparato a camminare, a parlare, a scrivere, a guidare una macchina, a cucinare, solo praticando l’attività stessa.

Per esempio puoi leggere un libro su come imparare a nuotare, ma, se non ti tuffi in acqua e pratichi, sarà difficile capire se hai imparato a nuotare.

Fai qualcosa con ciò che impari, vedi che cosa funziona e cosa no, sistema cosa non funziona e costruirai la tua competenza.

Il realizzare e il praticare sono l’essenza della sicura crescita e del vero miglioramento!

Essi rappresentano quella lacuna che devi attraversare tra te e i tuoi obiettivi.

Quando ti chiedi perché gli altri sono stati più bravi di te, domandati anche se hanno fatto più pratica di te.

Puoi fare la differenza tra il buono e l’ottimo, tra il mediocre e l’eccellente, solo se, oltre ad avere imparato, riesci anche a mettere in pratica.

Quando pratichi usi le tue abilità per costruire qualcosa di nuovo e rompi i limiti che spesso ti sei creato pensando “non sono capace di farlo”.

Ogni libro che leggi, ogni corso che fai o ogni conferenza cui partecipi hai la possibilità di aggiungere del potenziale a te stesso.  Ogni nuova conoscenza o idea porta con sé il potenziale per cambiare la tua vita, modificare i tuoi percorsi, oppure puntare in una nuova direzione.

La conoscenza o l’idea sono solo potenziale, quindi non si tratta solo di quanto potenziale hai, ma di quanto ne usi!

Sette passi per passare dall’apprendimento alla pratica

Qui di seguito ci sono sette semplici passi che è possibile utilizzare per passare dall’apprendimento alla realizzazione.

  1. Prendi nota mentre impari, oppure evidenzia le parti fondamentali, poiché in caso contrario potrebbe essere difficile ricordare tutto.
  1. Annota le nuove idee che ti vengono in mente, soprattutto quelle generate dall’aumento della tua conoscenza dovuta all’apprendimento.
  1. Prendi del tempo per assorbire le nuove idee, poiché con l’aumento della conoscenza ti si apriranno nuovi punti di vista.
  1. Pianifica un’azione da ogni nota, cioè ogni nuova conoscenza e idea, poiché non ha senso imparare qualcosa se non crei niente dalla nuova conoscenza.
  1. Rivedi ciò che hai imparato, per capire come praticarlo applicato alle differenti situazioni, in quanto non tutto si applicherà in ogni situazione.
  2. Implementa ogni azione pianificata e fai pratica, perché la pratica si basa sulla ripetizione e la ripetizione è uno dei principali modi in cui il cervello umano stabilisce nuovi percorsi e impara velocemente.
  1. Mentre pratichi, rivedi i tuoi appunti di frequente, perché la pratica ti da dei feedback per capire meglio i dettagli di ciò che hai imparato e di come applicarlo anche a differenti situazioni.

La pratica ti ricorda che costruire una competenza può essere difficile, ma non impossibile, ed è anche il migliore antidoto alle tue insicurezze. Senza la pratica e l’uso, si perde ciò che hai costruito.

Meno si pratica, più velocemente si affievolisce.

Tieni in mente che i falliti si dividono in due categorie: chi realizza senza imparare e chi impara, ma non realizza.


Realizza quanto appreso 
è una delle strategie svelate nel libro “L’ Altra Strada per il Successo
– 40 Strategie di Successo Etico nella Vita e nel Lavoro –
>>> Scarica qui l’ ANTEPRIMA! (40 pagine)


Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
CHE NE DICI DI ISCRIVERTI ?

Subito in regalo per te LA GUIDA AL BLOG e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER
Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Lascia un commento

Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
ISCRIVITI !

Subito in regalo per te
LA GUIDA AL BLOG
e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER

Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Iscrivendoti acconsenti a ricevere periodicamente delle email con novità, risorse, consigli e promozioni relative ai temi che trattiamo. I tuoi dati non verranno mai condivisi con terze parti e saranno protetti in accordo alla nostra > Privacy Policy <