Sei sicuro di conoscere bene la tua squadra?

Aiutami a condividere

squadra

Tutti noi riconosciamo che i benefici del lavoro di squadra sono in grado di produrre dei risultati incredibili in molti ambiti della vita, sul posto di lavoro, nello sport, in un gruppo di amici, tra i membri di una comunità o di una qualsiasi organizzazione.

In un articolo precedente si è parlato in dettaglio il valore del gruppo, scoprendo che il cuore di ogni grande risultato è sempre una squadra.

Uno dei compiti principali di un leader, se non il più importante, è di assegnare a ciascun membro il posto giusto nella squadra, in modo da massimizzare i risultati del singolo membro e di tutta la squadra.

Non esiste una squadra efficace se non essa non ha un leader, ma, d’altra parte, non esiste un leader se egli non ha una squadra.

Il binomio leader-squadra è indivisibile!

Un grande leader istintivamente sa anche, che, per guidare con successo e muovere le persone verso l’azionedeve toccare il loro cuore. Se vuoi costruire delle relazioni con le persone, devi allora trasmettere,in modo credibile, il tuo interesse verso loro e la tua genuina volontà di aiutarle.

Navigando per la rete ho scovato un articolo pubblicato sul blog Dan Black on Leadership, dal titolo “Knowing Yourself + Knowing your Team = Legendary Leadership” di cui ne traduco un estratto molto interessante, che voglio condividere con te.

Diamogli un’occhiata!

Un leader conosce bene la sua squadra

Che tipo di persona tu preferisci come leader?

Ecco un estratto dal post “Knowing Yourself + Knowing your Team = Legendary Leadership”, che ti può far riflettere!

Oggi , è necessario che tu risponda alla seguente domanda .

Quale delle due seguenti persone preferisci?

Persona A – sembra sempre felice , e non solo ricorda il tuo nome , ma anche l’ultima conversazione che hai avuto con lei.

Persona B – è una macchina di efficienza e quando cammina in ufficio o altrove, saluta solo pochi eletti. Di solito non te.

Quale dei due scegli? La Persona A o la Persona B

Ora immagina che la Persona B sia il leader della tua squadra, il tuo capo al lavoro, l’amministratore delegato della tua azienda, il tuo allenato, il tuo insegnate o il capo della tua comunità.

Il suo comportamento ti piace, o uccide qualsiasi tua motivazione?

Se sei leader di una squadra di persone, ciò che realizzi personalmente come individuo non è importante, mentre è fondamentale come fai sentire le persone.

Sai cosa li colpisce? Conosci loro valori? Che cosa li motiva? Sai le pressioni che devono affrontare nella loro vita personale? Ti prendi cura genuinamente di loro?

Anche se potrebbe sembrare troppo invadente, prova a chiederlo a qualsiasi membro della tua squadra e, sicuramente, egli dirà che preferisce che tu ricordi l’ultima conversazione che hai avuto con lui, che cosa ti ha detto ama fare nel fine settimana, oppure che tu noti quando si sente giù.

Lodarli per l’accuratezza del loro lavoro e importante ma può darsi che sia l’ultima cosa della loro lista dei desideri

In poche parole il post evidenzia che è fondamentale per un leader conoscere bene la sua squadra. Ne nascono due consigli importanti:

Devi essere là con loro

Quando sei in una riunione, quando parli ad una persona o a un gruppo, quando passi vicino a qualcuno nel corridoio, in realtà devi essere là, e non altrove.

Cosa significa questo?

Significa “essere concentrato” solo su quel momento, non solo mentalmente, ma nel tuo aspetto fisico:

metti il tuo telefono in modalità silenziosa;

toglilo dalla vista per evitare che anche i messaggi ti disturbino;

stabilire un contatto visivo con l’altro o gli altri.

Per esempio, rispondere alle e-mail e l’ascoltare le persone contemporanea, non si può, altrimenti apparirai scortese ed arrogante.

La chiave è cosa gli altri vedono mentre ti guardano.

Potresti pensare che tu sia molto efficiente se durante una conversazione rispondi anche ai messaggi o alle e-mail, ma quando gli altri ti guardano, vedono qualcuno che non pensa che essi siano abbastanza importanti per ricevere la giusta attenzione.

Osserva le cose anche del punto di vista della squadra

Tu sei un leader! Ciò non significa solo che devi dare l’esempio, poiché è un dato di fatto, ma non solo. Tu hai anche altre responsabilità sulle spalle.

Per tale motivo è anche tua responsabilità vedere le cose dal punto di vista dei membri del tuo gruppo.

Quello che stai facendo o dicendo come li fa sentire?

Come si sentono quando tu parli? Quando si riuniscono con te?

Quando li incontri, li riconosci? Non importa cosa fanno, ma le persone amano essere notate.

Quando parli, sorridi e stabilisci un contatto visivo con ogni persona? Le persone amano sentirsi importanti.

Quando la tua squadra fa un ottimo lavoro, porta come esempio il modo in cui ognuno di loro ha contribuito, perché le persone amano sentirsi valorizzate.”

Ascolta davvero

“Quando parli al tuo team, lavora per scoprire cosa li motiva.

Ciò non significa chiedere a ciascuno di loro “Che cosa ti motiva?”, perché nessuno ha voglia di rispondere a questa domanda!

Poi, invece, delle domande come:

Hai fatto davvero bene. Cosa ti ha motivato a fare ciò?

Vedo che insieme a [nome persona] hai  un grande rapporto di lavoro, quale è il motivo di ciò?

… chiedi loro che cosa amano nel loro lavoro, che cosa vorrebbero di più,  e poi trova un modo  di dare loro quello che vogliono.

Che dire!

Un ringraziamento al blog Dan Black on Leadership per i preziosi spunti regalati con il suo articolo.

Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
CHE NE DICI DI ISCRIVERTI ?

Subito in regalo per te LA GUIDA AL BLOG e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER
Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Aiutami a condividere

Lascia un commento

Riceverai tutti gli aggiornamenti del blog
ISCRIVITI !

Subito in regalo per te
LA GUIDA AL BLOG
e LE 10 FALSE CREDENZE SUL LEADER

Se vuoi saperne di più >>>

Grazie per esserti iscritto.

Qualcosa è andata storta.

Iscrivendoti acconsenti a ricevere periodicamente delle email con novità, risorse, consigli e promozioni relative ai temi che trattiamo. I tuoi dati non verranno mai condivisi con terze parti e saranno protetti in accordo alla nostra > Privacy Policy <